isole egadi

Le Isole Egadi sono un arcipelago di tre isole principali e due minori, posto a circa 7 km dalla costa occidentale della Sicilia, fra Marsala e Trapani. Amministrativamente costituiscono il comune di Favignana, in provincia di Trapani. 

Favignana è un comune di 4.383 abitanti della provincia di Trapani; comprende l'arcipelago delle Egadi, ovvero le isole di Favignana, Marettimo e Levanzo e gli isolotti (praticamente degli scogli) Maraone, Formica, Galera e Galeotta e Il Fariglione.

L'isola di Favignana si trova a circa 7 km dalla costa siciliana, tra Trapani e Marsala, di fronte alle isole dello Stagnone ovvero all'aeroporto di Trapani "Birgi". Favignana si raggiunge dal porto di Trapani in circa un'ora di navigazione via nave e in mezz'ora via aliscafo.


Marettimo - L'antico nome greco dell'isola, citato da Polibio, era Hierà Nésos, che significa "Isola Sacra". Il nome attuale deriva molto probabilmente da "Marìtima", nome latino dell'Isola che compare già nell' Itinerario Antonino del III secolo d.C. Alcuni studiosi suggeriscono che l'origine del nome sia da ricercare nell'abbondante presenza del timo selvatico. Questa non è tuttavia l'unica tipologia di erba che cresce spontaneamante nell'isola, il cui clima del tutto particolare ha contribuito allo sviluppo di una flora straordinaria. 


L'Isola di Lèvanzo è la più piccola delle Isole Égadi avendo una superficie emersa di appena 5 km quadrati; fa parte della Provincia di Trapani. È costituita da rocce calcaree bianche che presentano numerose grotte. L'antico nome romano dell'isola era Phorbantia dal nome di una particolare spezia presente nella flora del posto.

Il paese è uno sparuto gruppo di case su un piccolo porticciolo che, come racconta un pescatore abitante dell'isola, non dà neanche ricovero alle imbarcazioni che sono trascinate via dal mare in un giorno di burrasca e dista circa 15 km da Trapani. È priva di strade rotabili, a parte un piccolo tratto di strada asfaltata che conduce alla spiaggia del Faraglione. Ciò più che uno svantaggio, è invece il miglior contributo per l'integrità della sua bellezza paesaggistica.

Il promontorio più alto è il pizzo Monaco, 270 m.s.l.m.
Sulla costa si affacciano alcune grotte, la più nota è la Grotta del Genovese, dove due epoche preistoriche vivono parallele. Sono stati rinvenuti resti risalenti al mesolitico, circa 6000 - 7000 a.C. e sulle pareti sono presenti interessanti manifestazioni di arte rupestre.